Se Donald Trump “minaccia” i tedeschi con i dazi

—   Lettura in 1 min.

Donald Trump rischia di essere la vera e unica nemesi della valuta europea: l’Euro. Il suo programma economico è noto a tutti, ma è solo in questi giorni che è stato rilevato un passaggio davvero significativo che dà l’esatta misura di quali saranno i futuri rapporti tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti, qualora le cose non cambiassero.

Per essere precisi, il neo presidente americano nel suo economic planlancia un’accusa piuttosto pesante nei confronti della Germania, alla quale viene imputato, senza troppi giri di parole, di fare surplus commerciale a danno degli Stati Uniti, attraverso un’abile manipolazione della valuta europea, deprezzata rispetto al dollaro per via dell’intrinseca debolezza delle economie del sud Europea. Ecco il passaggio più significativo:

Mentre l’euro fluttua liberamente sui mercati valutari internazionali, questo sistema favorisce l’economia tedesca molto più di quando il Deutsche Mark era ancora in vita.

Questa è una delle ragioni principali per cui gli Stati Uniti hanno un grande deficit commerciale con la Germania, $ 75 miliardi di dollari nel 2015. Il più ampio problema strutturale è un sistema monetario internazionale afflitto da una diffusa manipolazione della valuta.

Naturalmente, una valuta più debole stimola le esportazioni del manipolatore di valuta, scoraggia le importazioni, porta ad una bilancia commerciale favorevole e il manipolatore di valuta cresce a scapito dei suoi partners commerciali. Se questa manipolazione non cessa, gli Stati Uniti potrebbero imporre dazi compensativi e difensivi .

Se questa non è una campana a morto per l’euro, poco ci manca. In realtà, bisognerà vedere se Trump attuerà mai una simile minaccia, e quali saranno eventualmente le ripercussioni effettive di una siffatta politica protezionistica qualora venga concretamente attuata. Certo è che si tratta di un intento senza precedenti, in un contesto storico ed economico fra i più critici in assoluto. Preparate i pop-corn.

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi post, iscriviti al canale Telegram