Abbiate coraggio, italiani! Diventate populisti e patrioti

—   Lettura in 2 min.

almirante-populisti-italiani

Esiste un fraintendimento sul termine “populista”, che viene abilmente e consapevolmente confuso con il termine “demagogo”. Dunque, secondo questa stortura opportunamente veicolata attraverso i media mainstream, populismo (e populista) e demagogia (e demagogo) sarebbero la stessa cosa. Ma non è così. In realtà populismo e demagogia non hanno lo stesso significato.

Prima di tutto andiamo a vedere cosa significa demagogia:

La pratica politica tendente a ottenere il consenso delle masse lusingando le loro aspirazioni, spec. economiche, con promesse difficilmente realizzabili…

Dunque, è un demagogo colui che fa promesse, consapevole di non poterle mantenere. E anzi, è pronto a disattenderle, appena riesce a carpire la fiducia elettorale del cittadino. Il suo obiettivo primario infatti è ottenere il potere, e per farlo tocca le corde più sensibili del popolo.

Ora vediamo l’esatto significato del termine populismo:

Atteggiamento culturale e politico che esalta il popolo, sulla base di principi e programmi ispirati al socialismo…

Dunque, abbiamo due significati completamente diversi. Il populista mette al centro il popolo e i suoi bisogni, interpretandone le difficoltà e le aspirazioni, mentre il demagogo sfrutta il popolo, i suoi bisogni e le sue difficoltà, per ottenere consenso.

Ciò detto, non spaventatevi alla parola “socialismo”. E’ chiaro, infatti, che se da una parte il populismo nacque per additare volgarmente i movimenti socialisti del secolo scorso, dall’altra i programmi ispirati al socialismo ideologico (comunismo), nel contesto presente, sono un di più, soprattutto perché oggi il socialismo è acclaratamente un’ideologia retrò e fallita. Sicché non è sicuramente una componente essenziale del populismo moderno, benché il populista, per ovvie ragioni, non può certo esimersi dal proporre programmi sociali, o comunque orientati al raggiungimento di una migliore perequazione sociale.

Qualcuno, consapevolmente o meno (propenderei più per la prima ipotesi), tende comunque a confondere i due significati, populista e demagogo, ma la realtà è che i due termini – come detto – descrivono fenomeni differenti, seppure si potrebbe affermare che ci fu in passato (soprattutto nel ‘900), qualche populista che sfruttò la demagogia per infiammare i popoli e carpirne il consenso, ovvero qualche demagogo che si finse un populista per ottenere potere e prestigio. Si pensi alle grandi dittature ideologiche (comunismo e nazismo).

A questo punto la domanda è chiara: perché dovremmo diventare dei populisti? Semplice! Perché oggi è l’unico atteggiamento politico capace di restituire al popolo la voce che gli è stata tolta da un sistema democratico sempre più rarefatto, delegante e dissimulante un potere oligarchico che non concede nulla alla democrazia e ai bisogni sociali. Il populismo, oggi, riassume in sé le istanze del popolo, diventando anticorpo che lotta contro le potenti forze globaliste che intendono annientare gli Stati e le nazioni. In un’ottica italiana e sovranista, il populista ha come scopo il ripristino della legalità costituzionale che ci è stata sottratta dalle adesioni ai trattati europei. Dunque oggi, essere un populista che chiede il rispetto della carta fondamentale del 1948, significa essere un patriota!

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi post, iscriviti al canale Telegram