Terrorismo. Quando i bambini vengono usati come kamikaze

kamikaze-bambini-boko-haram-terrorismo-islamicoUn interessante e direi quasi isolato articolo di Tempi che riprende l’Osservatore Romano, sull’uso che Boko Haram fa dei bambini: vere e proprie bombe umane. Il rapporto è dell’UNICEF, ed è impressionante: nel 2016, 27 sono i bimbi che sono stati utilizzati per portare a termine attentati kamikaze (ma in realtà non sono kamikaze, ma vittime) in luoghi pubblici nella zona del Lago Ciad. Come riporta con maggiore precisione Tempi, dal 2014 a oggi sono 117 i bambini utilizzati per portare a termine attacchi suicidi con bombe in luoghi pubblici in Nigeria, Ciad, Niger e Camerun: 4 nel 2014, 56 nel 2015, 30 nel 2016 e, come detto, 27 solo nei primi tre mesi di quest’anno.

Le statistiche peraltro parlando di una preferenza maggiore dei criminali del terrorismo islamico nigeriano per le ragazzine, forse viste con minore diffidenza e dunque più facilmente utilizzabili. Del resto, chi mai potrebbe pensare che una tredicenne o una quattordicenne porti in sé una bomba? Nessuno o quasi, visto che poi, dagli errori si impara. E infatti, puntualmente, nei pressi di mercati e check-point militari, i ragazzini sono visti con timore e sospetto.

Non solo. I bambini fortunatamente liberati dal canto loro, hanno comunque gravi difficoltà a essere reintegrati nel loro ambiente. Per loro il ritorno a una vita “normale” (tenendo presente che la normalità in quei paesi è molto diversa dalla nostra) è in salita, e spesso questi poveri bimbi si ritrovano emarginati nei loro stessi ambienti.

Questo, del resto, è il terrore che spargono le organizzazioni terroristiche islamiche che dominano i paesi come la Nigeria e che non riescono a essere debellate, tanto sono perniciose. E non a caso, i veri deboli e i perseguitati, per lo più di fede cristiana (ma guardate un po’ che strano), non sono i giovanotti che saltano il mare per approdare nelle coste italiane, attratti illusoriamente da un benessere che qui ormai è solo un mero miraggio; i veri perseguitati, purtroppo, non fuggono, perché non ne hanno alcuna possibilità, e i primi sono proprio i bambini, usati letteralmente come carne da macello.

Fonte: Tempi.it

  Commenta
© Foto di By AK Rockefeller (Boko Haram) [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons
E' stato un post interessante?0No0