Perché l’abolizione del contante non serve contro l’evasione e la criminalità

contante-euroIl concetto è sempre quello: il contante favorisce la criminalità e l’evasione fiscale. Dunque aboliamo il contante, per contrastare sia l’una che l’altra. Del resto, questo è il pensiero che traspare dalle parole di Grasso: “Possiamo discutere tempi di attuazione e modalità ma idealmente la strada del futuro è l’abolizione del contante” sia “per combattere l’evasione fiscale” sia “per contrastare l’economia criminale” (ANSA).

Peccato che il contante non favorisca la malavita organizzata non più di quanto la danneggi. La verità è che i criminali 4.0 usano mezzi molto più sofisticati per fare i loro sporchi affari, che sovente sfruttano proprio la moneta elettronica se non anche quella virtuale. La malavita, del resto, cerca di dissimulare le proprie attività criminose in attività legali, che le permettano di riciclare i guadagni illeciti, e dunque qualsiasi elemento di tracciabilità per loro è utile onde ostentare legalità, soprattutto quando poi la tracciabilità – nella catena dei bonifici, delle fideiussioni e dei giroconti – si dissolve in società di comodo, magari nate nei paradisi fiscali, dove le indagini vanno a sbattere contro il muro dell’omertà internazionale.

Considerare dunque il contante come foriero di attività criminali è solo un pregiudizio nei confronti del contante. E d’altro canto, non serve nemmeno per combattere l’evasione fiscale, e questo perché oggi l’evasione vera e propria viene commessa attraverso il gioco delle residenze (para)fiscali all’estero, dei prestanome, o – pure peggio – attraverso i sistemi dell’elusione e della sottrazione, che non necessariamente coinvolgono direttamente l’uso del contante. Sappiamo infatti che l’elusione e la sottrazione mirano a utilizzare i buchi della legislazione fiscale per ottenere vantaggi fiscali indebiti o sottrarre l’imponibile alla tassazione. Dunque, molto spesso hanno poco a che vedere con i pagamenti in contante.

In ogni caso, ammesso anche che una parte dell’evasione o delle attività criminali si realizzi con l’uso del contante, non è questa una ragione legittima per abolirne l’uso, perché tale abolizione alla fine si risolve con due conseguenze: a) la compressione della libertà di tutti i cittadini; b) l’asservimento dei cittadini agli interessi delle banche, che oggi sono i monopolizzatori della moneta elettronica, e che con essa, attraverso le commissioni e le spese bancarie di varia natura, fanno gli affari più lucrosi, imponendo un ulteriore costo nella circolazione delle merci e dei servizi (un prodotto, pagato più volte con la moneta elettronica, genera un profitto bancario sulla transazione che con il contante non esiste).

La verità è invece un’altra ed è una verità che pochi vogliono sentire o peggio ammettere: la criminalità organizzata e l’evasione si combattono con sistemi mirati e non comprimendo la libertà di tutti i cittadini.