L’Italia subisce un “embargo” da vent’anni. Il suo nome è euro

—   Lettura in 2 min.

L’Italia è un paese assediato. Subisce un embargo economico da almeno una ventina d’anni. E questo embargo si chiama euro. E non è una boutade, ma è una realtà incontestabile: l’euro è una moneta artificiale, creata per favorire il dominio della rendita finanziaria dei grandi capitali e a latere, quello della Germania sul mercato globale, a danno del mercato interno che si traduce in un danno alla nostra produttività, all’occupazione e all’industrializzazione del paese.

Come l’esercito nemico che assedia il forte che intende espugnare, e nel farlo, prende per fame e per sete gli occupanti, l’euro impedisce che possano essere fatte politiche di crescita; politiche che possano stimolare la domanda interna e dunque lo sviluppo industriale del paese (e con essa l’occupazione). Sicché, nel tempo, il paese degrada, si deindustrializza e può essere conquistato economicamente con pochi spiccioli (controllati da terzi), affinché diventi una provincia dell’impero, utile per manodopera a basso costo, possibilmente qualificata. E non è un caso che le nuove generazioni italiane, altamente qualificate ma prive di prospettive economiche sul suolo patrio, si orientino sul nord Europa, e in particolare la Germania, il cuore dell’impero.

La soluzione dunque è rompere l’assedio… l’embargo. E per farlo, è necessario disfarsi dell’euro e ritornare alla propria moneta nazionale. Non c’è altra soluzione. Non esiste alcuna possibilità che l’euro possa essere riformato, perché manca il substrato sociale, economico e politico fondamentale: una lingua comune, un regime fiscale comune, e valori comuni condivisi. L’Euro è basato sulla concorrenza spietata e la diffidenza fra i paesi che lo adottano, ed è retto da regole il cui scopo è tenere basso il costo del lavoro.

D’altro canto, proprio perché l’euro è stato concepito per favorire la Germania sul mercato globale, la sua adozione è export-oriented. Qualunque economista con un po’ di sale in zucca potrebbe però affermare che un paese che basi la propria economia solo sulle esportazioni, pure a costo di distruggere la domanda interna, si espone a una serie squilibri macroeconomici importanti, perché fa dipendere il proprio benessere dagli orientamenti umorali dei mercati esteri sui quali non ha nessun controllo e nessuna influenza. Peggio pure se per favorire politiche economiche export-led, si blocchino – come accade in un’unione monetaria forzata – i cambi fra i paesi membri dell’unione, creando ulteriori squilibri interni che favoriscono – su regimi fiscali differenziati – un paese membro a danno dell’altro.

L’Italia patisce tutto questo. E parlare, dunque, di embargo o assedio non è affatto peregrino e anzi rappresenta la plastica situazione in cui versiamo da venti anni. Liberiamoci prima che sia troppo tardi.

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi post, iscriviti al canale Telegram
Davide MuraAvvocato, patriota costituzionale. Blogger su Primoarticolo.it e Il Petulante.