Il testamento biologico e l’illusione di una libertà di scelta che non esiste

Alla fine, come previsto, la legge sul testamento biologico è passata. Una legge davvero deprimente, piena di incognite, che rende la vita un bene disponibile, sul quale potranno decidere – paradossalmente – un po’ tutti: dal medico, fino al giudice, passando per i rappresentanti legali, i tutori e i curatori del malato. 

Altro che libertà, altro che autodeterminazione. Questa legge metterà la vita di chi sceglierà il testamento biologico nelle mani degli altri, e il bello è che lo faranno volontariamente e convintamente; ed è forse questa la loro unica vera libertà: decidere che siano gli altri a decidere se debbano vivere o morire. Non solo. Con questa legge, purtroppo, potranno verificarsi casi come quello di Charlie Gard, o casi nei quali il malato pur non essendo terminale, verrà comunque lasciato morire per una forma di pietismo ipocrita. Ed ecco dunque la finalità utilitaristica della legge.

La verità è che questa legge di “civiltà”, dietro il paravento del pietismo e dell’autodeterminazione, potrà essere usata ipocritamente in danno dei depressi, degli anziani e dei malati, considerati in una società come quella attuale, dominata dal consumismo e dall’efficientismo, un onere e un impegno gravoso da evitare se possibile. Una legge profondamente triste, che riporta l’uomo a un periodo buio della sua evoluzione, quando il malato o l’anziano erano considerati un peso morto di cui disfarsi, e i bambini semplici oggetti su cui esercitare il diritto di proprietà, privi, dunque, di personalità, diritti e dignità.

Questo genere di leggi esaltano l’individualismo nichilista, esaltano la morte come bene assoluto e la vita come bene relativo. E mi chiedo, da cattolico e credente, come, in coscienza, ci si possa richiamare ai valori cattolici e paritempo sostenere leggi che negano la vita, che ritengono che idratazione e alimentazione sono terapie e che negarle possa davvero rispettare la volontà di un paziente, magari espressa in un momento di sconforto, o perché condizionato dall’esterno o da terzi, o perché data in un’epoca lontana dai giorni della sofferenza. Domanda alla quale difficilmente verrà data risposta.