Il Governo italiano offra asilo politico ad Asia Bibi e alla sua famiglia

—   Lettura in 2 min.

E’ un appello fatto soprattutto a Matteo Salvini, che almeno apparentemente sembra essere quello più sensibile a certe tematiche, come la lotta all’estremismo e all’integralismo islamico. Si adoperi affinché Asia Bibi – sappiamo condannata a morte in Pakistan per blasfemia (dell’Islam) e oggi, dopo l’annullamento della condanna, in pericolo di vita per le minacce subite – trovi rifugio in Italia.

Salvini dimostri effettivamente di essere dalla parte della libertà e contro ogni tipo di integralismo ed estremismo che viola i diritti fondamentali della persona umana. Che non implica – è bene ribadirlo – il diritto di “offendere” la religione altrui, ma significa poter esprimere un concetto, nel massimo rispetto della fede altrui, senza il rischio di venire imprigionati o comunque giustiziati.

Finora il Governo, sul caso Asia Bibi, è rimasto sostanzialmente silente, così come sono rimasti silenti, tanto per ribadirlo, le eroine del metoo, del femminismo nostrano e dell’intellighentia di sinistra pro-immigrazione e pro-integrazione. Eppure, questo caso, che ormai tiene banco da anni, è uno di quelli che dimostra come esista una abisso tra l’occidente e il medioriente, tra i nostri valori di libertà e di tolleranza (anche quando apparentemente sembra che li rinneghiamo) e quelli radicati nei paesi dove domina l’integralismo religioso.

Il Governo deve fare un gesto politico di grande umanità: conceda ad Asia Bibi e alla sua famiglia lo status di rifugiato politico, affinché possano venire in Italia e vivere la loro fede senza la paura di essere accusati di blasfemia e di altri delitti contro l’islam. E seppure sia vero che non possiamo accogliere tutti i perseguitati del mondo, così come non possiamo accogliere tutti gli immigrati economici del globo, esistono casi che rappresentano il paradigma delle nostre convinzioni, per i quali l’indifferenza è un errore, è un cedimento a favore dell’oscurantismo e dell’intolleranza.

Intanto potete firmare l’appello di Giulio Meotti (Il Foglio) per portare Asia Bibi in Italia, che trovate qui.

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione di nuovi post, iscriviti al canale Telegram