nuovo!

Altro che italexit. Qui siamo al nordexit

A quanto pare, se il 17% dei consensi non va bene per rompere l’Unione Europea in vista di una possibile uscita dell’Italia dal gabbio dell’euro, va benissimo per portare avanti l’autonomismo del nord. E anticipo i rompiglioni del contratto: che non ci sia l’italexit nel contratto e ci sia l’autonomismo, è solo la scusa formale […]

Perché la Banca d’Italia deve tornare sotto il controllo del Governo

L’Italia è una repubblica nella quale la sovranità appartiene al popolo (art. 1). Questo significa che i “pilastri” che (sor)reggono la sovranità trovano legittimità nel popolo e dal popolo promanano. Il popolo (delegante) esercita questa sovranità delegandola al Parlamento e al Governo. Questa sarebbe una verità incontestabile se non fosse che negli ultimi quarant’anni qualcuno […]

Se non c’è spoil system non c’è cambiamento

Possiamo pure cambiare i ministri e il presidente del Consiglio, ma oggi, con un sistema istituzionale appositamente atomizzato e decentrato, quasi dilaniato dal neoliberismo e come tale finalizzato a neutralizzare il potere sovrano nazionale degli organismi costituzionali elettivi, la sostituzione delle figure apicali e dirigenziali del sottobosco ministeriale e delle autorità indipendenti diventa un processo […]

Il reddito di cittadinanza tra mobilità e demolizione del welfare

Non sono un estimatore del reddito di cittadinanza. Ritengo che il Governo, mandando avanti questa “riforma” abbia in verità messo il carro davanti ai buoi, anche se – come direbbe Andreotti – a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. E quel pensar male, riguarda proprio il rapporto tra reddito di cittadinanza […]

Le banche d’affari dettano l’agenda del prossimo Governo

Altro che Governo sovranista, altro che recupero della sovranità nazionale e ripristino della legalità costituzionale. Altro che distruggiamo l’Unione Europea. Niente di tutto questo. Dopo il trasloco di Savona alla Consob, è chiaro che la spinta del governo gialloverde si sia praticamente esaurita, senza particolari “rivoluzioni” o “evoluzioni”. Semmai (forse) qualche involuzione verso il periodo […]

Niente piano B. Solo piano A come Altroeuropeismo

Ammetto di esserci “cascato” anche io. Pensavo seriamente che la nomina di Paolo Savona al ruolo di ministro per gli affari europei, dopo il tentativo fallito di insediarlo al MEF, sarebbe stato il grimaldello che avrebbe scardinato questa Unione Europea. E pensavo che la Lega che lo aveva proposto, sapesse quel che stava facendo. Ma […]

Il sogno di sottomettere la politica alla giustizia

In questi giorni ho letto molte opinioni, più o meno autorevoli, che affermano che Salvini dovrebbe farsi processare. Ebbene, è evidente che in queste opinioni sia racchiuso il senso profondo del fallimento della cultura democratica, intesa come conoscenza dell’importanza cruciale dell’equilibrio fra i poteri dello Stato e dunque dei limiti che i poteri non possono […]

Eutanasia. Quando il Parlamento non è sovrano

La Corte Costituzionale non ha dato scelta: o il Parlamento legifera oppure ci penseranno i giudici con una sentenza. Non ci sono alternative. Il Parlamento non può decidere di non decidere, e questo suggerisce quanto oggi la sovranità parlamentare sia regredita rispetto al passato. Perché anche non decidere è una manifestazione di sovranità, che però […]

Il processo di privatizzazione della sanità

In tanti si lamentano che la sanità pubblica sia un coacervo burocratico e che per ottenere una visita o un esame (magari salvavita), tramite il servizio sanitario nazionale, sia necessario attendere mesi, con il rischio che la diagnosi sia tardiva e dunque fatale. Ecco perché molti italiani alla fine rinunciano alla sanità gratuita o comunque […]